DEAN BLUNT


due date per il misterioso ed eclettico artista londinese


5 Dicembre 2014 – FIRENZE / Disco_nnect

6 Novembre 2014 – VERONA / Interzona


Ha destato la curiosità dei più attenti nel 2009, quando a malapena si conosceva il suo nome, passando dallo status di fittizia controfigura di una presunta star tramontata degli anni Ottanta ad artista tout court. Dean Blunt torna in Italia a Dicembre dopo la performance “meta-teatrale” milanese dell’anno scorso, per due date in occasione delle quali presenterà Black Metal, il suo nuovo album in uscita tra poche settimane per l’etichetta inglese Rough Trade. Il terzo di una carriera dallo sviluppo poliedrico, cominciata al fianco della compare Inga Copeland a nome Hype Williams: un autentico arcano, inizialmente vendutosi come side-project di Joss Stone (!) e proseguito per almeno due anni prima della rivelazione definitiva delle identità dei due.

Già da questa prima esperienza Dean Blunt usciva con la fama di artista eclettico, imprevedibile e alieno, che dalle mutazioni psichedeliche al sapor di marijuana di Untitled si evolveva fino a raggiungere le deformazioni black in bassa definizione di One Nation. Svestiti i panni Hype Williams, il destino dei due si sarebbe poi incrociato con quello di Kode9 e della sua Hyperdub, pronta a mettere la firma sull’acclamato Black Is Beautiful, il disco della consacrazione. Un’opera estrema, indecifrabile, provocatoria, costruita su collage di frammenti sonori dai gusti variegatissimi, dal dubstep al grime, dal prog alla psichedelia, passando per techno, dub e hip hop, ulteriormente deteriorati dal trattamento a suon di rumori, riverberi e loop operato dai due.

L’istrionismo artistico di Dean Blunt ha continuato ad essere protagonista indiscusso della sua carriera solista, equamente divisa tra esibizioni inter-disciplinari che uniscono teatro, poesia, performance art e musica e una manciata di dischi a proprio nome. Fra questi spicca l’osannato The Redeemer, uscito non più di un anno fa, nel quale l’artista da seguito alla ricerca sui collage sonori iniziata in Black Is Beautiful, orientata stavolta a suoni più colti. Al 2013 data anche Urban, performance multidisciplinare che lo ha visto protagonista all’Institute Of Contemporary Arts di Londra facendogli guadagnare definitivamente l’attenzione e la stima degli ambienti legati all’arte contemporanea e dalla quale è tratto il suo contributo inedito alla compilation Hyperdub 10.3, la terza di quattro dedicate al decennale dell’etichetta.

L’arte di Dean Blunt trova nella dimensione live la sua piena espressione, grazie a performance inusuali, “distopiche”, spiazzanti e “multisensoriali”, dove la musica non è la sola protagonista. Imperdibili per chiunque volesse avventurarsi nel decifrarne i contenuti.


LINKS:
Facebook

VIDEO:
The Redeemer (da The Redeemer, World Music, 2013)
Papi (da The Redeemer, World Music, 2013)
The Pedigree (da The Redeemer, World Music, 2013)

 

__________________________________________________


5 Dicembre 2014 – FIRENZE / Tasso
in collaborazione con DISCO_NNECT

Via Villani 15 / Piazza Tasso
Prezzo: 10-15 €
Apertura: 20
Inizio Concerto: 22
Info: www.facebook.com/disconnectmusic


6 Dicembre 2014 – VERONA / Interzona
in collaborazione con Associazione Culturale Interzona
Via Scuderlando 4
Tel. 045.2021005
Biglietto: 10 €
Apertura: 20
Inizio Concerto: 22:30
Info: www.izona.it