Doppio appuntamento con FENNESZ tra Febbraio e Marzo 2017


Tra Febbraio e Marzo 2017 Christian Fennesz torna in Italia, per due appuntamenti esclusivi in cui si esibirà con due dei suoi progetti più recenti.

 

FENNESZ & LILLEVAN: Mahler Remixed a/v live
28 febbraio 2017 – ROMA / IUC

FENNESZ & OZMOTIC a/v live
1 marzo 2017 – TORINO / Teatro Stalker

Il 28 febbraio a Roma Fennesz sarà ospite dell’esclusivo Ciclo Minerva a cura dello IUC, l’Istituzione Universitaria dei Concerti diretta da Ennio Morricone presso l’Università La Sapienza, dove presenterà “Mahler Remixed”, progetto audiovisivo di ricomposizione delle sinfonie di Gustav Mahler realizzato assieme al video artist Lillevan. Il 1 marzo presenterà invece a Torino il nuovo live realizzato in collaborazione con OZmotic, il duo composto da Riccardo Giovinetto e Simone Bosco con cui ha realizzato nel 2015 l’acclamato album “AirEffect”.

Chitarrista, compositore e musicista, l’austriaco Christian Fennesz è una figura chiave e una delle voci più originali della musica elettronica contemporanea. Dopo una formazione in chitarra e in etnomusicologia ha mosso i primi passi mossi nei Maische, una delle band più interessanti della scena underground di Vienna nei tardi anni Ottanta. La chitarra è rimasta nel tempo la sua fonte musicale principale trasformandone però l’uso convenzionale mediante l’applicazione del computer portatile. Dopo i primi due album “Hotel paralel.lel” (1997) e “Plus Forty Seven Degrees 56′ 37″ Minus Sixteen Degrees 51′ 08″ (2001), in cui coniugava con originalità suoni sintetici, field recordings e laptop music, il terzo lavoro “Endless Summer” (2001, Mego) ne segna la consacrazione. Il disco è ad oggi riconosciuto come una delle più importanti realizzazioni del Nuovo Millennio, che ha contribuito a mutare la percezione della musica elettronica di oggi e rappresenta uno dei manifesti più influenti dell’estetica glitch, in cui i suoni prodotti da disfunzioni informatiche si riscoprono materia prima di un nuovo linguaggio espressivo.

I successivi lavori hanno segnato un progressivo abbandono dell’estetica disfunzionale in favore di un avvicinamento a paesaggi ambient: dall’impressionismo digital-melodico di “Venice” ai vasti affreschi di basse frequenze ed armoniche di “Black Sea” (2008) fino all’ultimo “Bécs” (2014), un viaggio fatto di impressioni, immagini e suoni languidi che lo stesso compositore ha definito “abstract-pop”. Pochi mesi dopo ha visto la luce anche “Mahler Remixed”, testimonianza di un progetto di live editing cui oggetto sono appunto alcuni samples presi da sinfonie di Mahler riutilizzati come tasselli attorno a cui Fennesz ricama con la chitarra. Negli ultimi dieci anni, Fennesz ha collaborato con molti musicisti, nonché con autori del mondo della video arte e del cinema, sia per la realizzazione di numerosi spettacoli sia per la registrazione in studio. Da ricordare le collaborazioni con Ryuichi Sakamoto, David Sylvian, Keith Rowe, Mark Linkous (Sparklehorse), Mike Patton e molti altri. Con il fondatore di Mego Peter Rehberg (Pita) e Jim O’Rourke ha fondato il trio di improvvisazione Fenn O’Berg.

 

__________________________________________________

 

28 febbraio 2017 – 21:00
FENNESZ & LILLEVAN: Mahler Remixed a/v live
ROMA / Università La Sapienza
a cura di IUC
c/o Auditorium La Sapienza
Lungotevere Flaminio 50

 

1 marzo 2017 – 21:00
FENNESZ & OZMOTIC a/v live
TORINO / Teatro Stalker
Piazza Eugenio Montale 18